Utilizzare la sintassi di C# 6 nelle razor view di ASP.NET MVC

Effettuando l’upgrade di alcuni vecchi progetti ASP.NET MVC, e volendo utilizzare novità di C# 6, ormai irrinunciabili, per esempio operatore nameof o sintassi come quella delle stringhe interpolate, nelle Razor View, ho scoperto che, se non si vuol passare alla versione MVC 6, è necessario …

Leggi di più

Inglobare tutte le dll in un singolo exe e utilizzarle con la Reflection

La stragrande maggioranza delle applicazioni usa delle dll esterne, eventualmente di terze parti. Quando l’applicazione deve essere distribuita anche gli assembly da cui dipende, cioè tutti i riferimenti esterni devono essere distribuiti assieme all’eseguibile. In generale lo si fa con la classica tecnica Xcopy, prendendo …

Leggi di più

L’operatore null conditional

L’operatore null-conditional, chiamato anche di null-propagation, che sarà introdotto da C# 6, consente di gestire varie situazioni in cui si rende necessario controllare il fatto che un oggetto sia null, ed evitare di incorrere nelle comuni NullReferenceException, riducendo la quantità di codice ripetitivo da scrivere.L’operatore ? permette …

Leggi di più

Guest Post su MSDN Italia: Caller Info Attributes in C# 5

Vi segnalo il mio guest post sui blog di MSDN Italia, dedicato ai Caller Info Attributes di C# 5.0, dal titolo Ottenere informazioni sul chiamante di un metodo in C# 5 Il link è il seguente: http://blogs.msdn.com/b/italy/archive/2014/11/27/guest-post-ottenere-informazioni-sul-chiamante-di-un-metodo-in-c-5.aspx

Leggi di più

#6 – ITA | L’operatore ternario di C#

L’unico operatore ternario di C# è l’operatore ? : (detto anche operatore condizionale).Esso permette di restituire una fra due espressioni, a seconda che una condizione risulti vera o falsa.Quindi anzichè usare un costrutto if/else del tipo: con l’operatore ternario basta scrivere in una sola riga: se la condizione cond è …

Leggi di più

#5 – ITA | Compilazione in linguaggio intermedio IL

Un programma scritto in C#, prima di poter essere eseguito, deve essere convertito in un linguaggio intermedio, chiamato appunto CIL (Common Intermediate Language) o IL (Intermediate Language), indipendente dalla CPU e dal linguaggio stesso (anche Visual Basic verrà convertito nel medesimo IL) che è comprensibile dal CLR. L’Intermediate language è …

Leggi di più